Posta su Facebook i lavori della piscina, 6500 euro di multa per abusivismo – Progettazione costruzione e manutenzione piscine, legislazione, corsi e informazioni

Posta su Facebook i lavori della piscina, 6500 euro di multa per abusivismo

 

In questo caso la condivisione tramite Facebook dei lavori della piscina (abusiva) ha portato ad un accertamento e a 6500 euro di multa (leggi l’articolo).

 In altri casi a venire scoperto è l’utilizzo di una piscina privata che viene invece messa a disposizione di una struttura ricettiva, o altro. E’ sempre più facile, oggi, scoprire i “furbi”, che andrebbero chiamati con il nome corretto, cioè i disonesti. Le cosiddette “moderne tecnologie” infatti, aiutano a far venire alla luce i comportamenti scorretti.

Vale ancora il vecchio detto, quindi: Occhio non vede, cuore (e portafoglio) non duole !