Piscine in quanto luoghi di lavoro: è necessario preoccuparsi del microclima – Progettazione costruzione e manutenzione piscine, legislazione, corsi e informazioni

Piscine in quanto luoghi di lavoro: è necessario preoccuparsi del microclima

La Circolare detta:

A tal scopo, l’articolo 63 del T.U., prevede che i luoghi di lavoro devono essere conformi ai requisiti indicati nell’allegato IV del medesimo T.U. che, al punto 1.9. si occupa proprio del microclima prevedendo che “nei luoghi di lavoro chiusi, è necessario far sì che tenendo conto dei metodi di lavoro e degli sforzi fisici ai quali sono sottoposti i lavoratori, essi dispongano di aria salubre in quantità sufficiente ottenuta preferenzialmente con aperture naturali e quando ciò non sia possibile, con impianti di areazione.


1.9.1.2. Se viene utilizzato un impianto di aerazione, esso deve essere sempre mantenuto funzionante. Ogni eventuale guasto deve essere segnalato da un sistema di controllo, quando ciò è necessario per salvaguardare la salute dei lavoratori.


1.9.1.3. Se sono utilizzati impianti di condizionamento dell’aria o di ventilazione meccanica, essi devono funzionare in modo che i lavoratori non siano esposti a correnti d’aria fastidiosa.


1.9.1.4. Gli stessi impianti devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori”.

Se è relativamente facile adempiere a queste richieste per quanto riguarda il lavoro in vasca, poichè le stesse prescrizioni valgono per la salvaguardia della salute degli utenti, è molto meno frequente che ciò accada nei locali tecnici, spesso insufficientemente ventilati.

Va tenuto ben presente, infatti, che le sale macchine sono luoghi di lavoro e come tali devono essere mantenuti ed attrezzati.