La Francia a caccia delle piscine abusive – Progettazione, consulenza, formazione nel settore delle piscine

La Francia a caccia delle piscine abusive

Si stima potrebbero essere più di 250.000

La Direzione Generale delle Finanze della Francia ha lanciato un progetto di mappatura delle costruzioni denominato “Foncier Innovant” che, con l’ausilio dell’intelligenza artificiale, vuole verificare l’assenza (o la presenza) di abusi edilizi. Il progetto è partito con la mappatura di nove “Dipartimenti” (le nostre province) nel Sud e nell’Ovest del Paese. Foncier Innovant vuole, attraverso la comparazione tra immagini satellitari e le denunce catastali, trovare le anomalie dei “contorni degli edifici costruiti e delle piscine” (dal sito del Governo Francese).

La mappatura dei primi due Dipartimenti, il Var e le Bocche del Rodano, ha evidenziato la presenza di 12.000 piscine non denunciate. Se mettiamo a confronto la popolazione di questi due territori (3 milioni di persone circa) con quella complessiva della Francia (più di 64 milioni), si può ipotizzare che il Fisco francese scoprirà presto più di 250.000 piscine abusive sul suo territorio.

La Francia non è la prima nazione che ricorre alle immagini satellitari per verificare il proprio patrimonio edilizio, né sarà l’ultima. Non dimentichiamoci che, anche in Italia, la riforma del catasto è oramai prossima.

Fonte: Activité Piscine: https://activite-piscine.com/strategie/marche/chiffre-du-mois/deja-12-000-piscines-illegales-identifiees/