Fonti energetiche NON fotovoltaiche, in vigore il DM 23.06.16 – Progettazione costruzione e manutenzione piscine, legislazione, corsi e informazioni

Fonti energetiche NON fotovoltaiche, in vigore il DM 23.06.16

 

Si possono richiedere gli incentivi per impianti nuovi, ricostruiti, riattivati e potenziati entrati in esercizio dal 1° gennaio 2013.

 

Le tipologie di impianto da FER non fotovoltaiche previste nel decreto sono:

 –       Eolico; on/off-shore

–       Geotermico; anche con teconologia avanzata ( art. 20 comma2)

–       Idroelettrico; ad acqua fluente e a serbatoio o bacino

–       Solare temodinamico;

–       Biomasse;

–       Biogas;

–       Gas di discarica

–       Gas residuati dai processi di depurazione

 

A seconda della tipologia di impianto sono state stabilite le potenze e gli incentivi erogati dal GSE per ogni MWh messo a disposizione nel punto di consegna dell’impianto e dei premi relativi ai soli impianti: eolico off-shore, geotermico e solare termodinamico.

Tali incentivi saranno erogati per un periodo pari alla vita utile media dell’impianto che secondo quanto stabilito dal decreto vanno dai 20 anni ( per es dell’eolico) ai 30 anni (per es degli impianti idroelettrici).

L’assegnazione degli incentivi avviene per mezzo di tre differenti procedure:

  • Accesso diretto: è possibile presentare la domanda fino al 31/12/2017 o entro 30 giorni dal raggiungimento del tetto dei 5,8 miliardi di euro, che saranno comunicati dall’AEEGSI sulla base del contatore FER fornito dal GSE;
  • Iscrizione al Registro;
  • Partecipazione alle Procedure d’Asta.

Per partecipare ai Registri e alle procedure d’Asta sarà necessario iscriversi al Bando che verrà pubblicato il prossimo 20 agosto dal GSE. Trascorsi 10 giorni dalla sua pubblicazione, si avranno a disposizione 60 giorni per iscriversi ai Registri e 90 giorni per partecipare alle Procedure d’Asta le quali a seconda della fonte rinnovabile sono un meccanismo concorrenziale che si basa su ribassi che vanno da un minimo del 2% ad un massimo del 30%.

Verranno prese in considerazione dal GSE soltanto richieste di incentivazione da parte dei Soggetti Responsabili dell’impianto che arriveranno attraverso il portale FER-E accessibile registrandosi all’Area Clienti del GSE sempre e comunque a seguito del relativo contributo per le spese di istruttoria calcolato in funzione della classe di potenza.

In allegato è riportata dal sito del GSE la tabella degli incentivi e degli eventuali premi previsti dal decreto e suddivisi per tipologia di impianto e per taglia di potenza. SCARICA

Articolo dell’ Ing. Fabrizio Pallucca