La piscina necessita del permesso di costruire – Progettazione costruzione e manutenzione piscine, legislazione, corsi e informazioni

La piscina necessita del permesso di costruire

Una sentenza del TAR Lazio ribadisce la necessità di permesso di costruire e, laddove prevista, autorizzazione paesaggistica

Respingendo il ricorso di un privato contro un provvedimento di demolizione di una piscina e altre opere accessorie, realizzate senza permesso di costruire e senza autorizzazione paesaggistica, il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) del Lazio ribadisce, ancora una volta, che la realizzazione di una piscina si configura come realizzazione di nuova volumetria, anche se interrata.

Tra l’altro, puntualizza che tali opere non possono essere considerate pertinenze dal punto di vista urbanistico. Il ricorrente aveva infatti utilizzato questa tesi per tentare di respingere l’ordinanza di demolizione, ritenendo la piscina un opera a se stante.

Dice infatti il TAR:

Deve, peraltro, essere evidenziato che anche avendo riguardo al profilo urbanistico non assume rilievo il richiamo al concetto di pertinenza, giacché tutti gli elementi strutturali concorrono al computo della volumetria dei manufatti, siano essi interrati o meno, e fra di essi deve intendersi ricompresa anche la piscina, in quanto non qualificabile come pertinenza in senso urbanistico in ragione della funzione autonoma che è in grado di svolgere rispetto a quella propria dell’edificio al quale accede. Analogo discorso deve essere seguito anche per le ulteriori opere – di pavimentazione delle aree esterne, realizzazione di muretti, del portico, peraltro di non esigua consistenza, nonché di installazione di pannelli solari – idonee ad incidere sul contesto paesaggistico di riferimento.
Alla luce dei richiamati orientamenti giurisprudenziali, dunque, è evidente che le opere realizzate da parte ricorrente, a differenza di quanto dalla stessa affermato, non possono essere qualificate come interventi di manutenzione straordinaria e di adeguamento funzionale di opere pertinenziali.

 

Scarica la sentenza QUI